NOTIZIE BREVI DALLA VAL DI CORNIA DEL 16 APRILE 2006

Vediamo insieme le notizie brevi di oggi dalla Val di Cornia.
Premi su: Leggi Tutto…

SUVERETO: TORNA A S.GIUSTO IL CROCIFISSO DOPO IL RESTAURO

E’ tornato a Suvereto l’antico crocifisso ligneo del 14º secolo, dopo una lunga permanenza nei laboratori di restauro della sovrintendenza di Pisa. Ora si può ammirare in tutta la sua bellezza nella pieve di S.Giusto, posizionato sulla sua raggera dorata, successivamente realizzata per poterlo portare in processione durante le feste triennali.

La sacra effigie raffigura il patrono di Suvereto, Santa Croce, che si celebra il tre maggio come da antichissima tradizione tramandata già come tale dagli statuti della comunità di Suvereto del 1600. Il prezioso crocifisso subì un primo restauro radicale una trentina di anni fa, quando gli fu tolta tutta la pittura che lo ricopriva. Poi una ventina di anni fa ebbe un primo restauro conservativo al quale è seguito quello attuale.

Il simulacro era custodito nella chiesa che porta il suo nome, adiacente il Chiostro di S.Francesco e si presume venga dalla grande chiesa del Convento (oggi casa vacanze e sede del Ghibellino) chiusa in età napoleonica. Poi anche la chiesetta cinquecentesca subì un crollo e successivi restauri e la sacra effigie fu ospitata sia nella chiesa della Madonna di Sopra la Porta e ultimamente nel museo di arte sacra. Ma stanno per concludersi anche i lavori di restauro della facciata della Chiesa del Crocifisso – si aspettano disposizioni sul colore – così come c’è stato un risanamento interno dall’umidità. Sono state anche riaperte le due finestre che nascondevano due belle inferriate alla fratina dalle quali si potrà, così, ammirare l’artistico Crocifisso. Attualmente fa bella mostra di sé nella parrocchia, ma in occasione delle feste patronali sarà solennemente riaccompagnato nella sua sede storica.


CONVEGNO NAZIONALE SUL FUTURO DELL’INDUSTRIA ITALIANA

“Le città e l’industria nel futuro dell’Italia” è il titolo del convegno nazionale organizzato dal Comune di Piombino in collaborazione con la Fondazione di cultura politica “Italianieuropei” che si svolgerà mercoledì 19 aprile a partire dalle ore 9,30 al teatro Metropolitan.

Partendo dall’analisi del contesto toscano, il convegno vuole offrire un momento di approfondimento delle politiche economiche e industriali in Italia in rapporto al panorama internazionale. Da questo punto di vista Piombino, come grande realtà siderurgica nazionale, costituisce un osservatorio importante per sviluppare una riflessione ampia e qualificata.
Questi temi saranno affrontati e sviluppati, durante la giornata, con il contributo di alcuni personaggi di rilievo della politica e del mondo economico nazionale.

Il pomeriggio, in particolare, è prevista una tavola rotonda a cui partecipano Pier Carlo Padoan, direttore della Fondazione Italianieuropei, gli europarlamentari Pier Luigi Bersani ed Enrico Letta, il senatore Giuliano Amato, Luca Cordero di Montezemolo presidente di Confindustria, Edoardo Zanchini della segreteria nazionale di Legambiente, Guglielmo Epifani, segretario nazionale della Cgil. Coordinatore del convegno Bruno Manfellotto, direttore del quotidiano Il Tirreno.

La sessione mattutina invece, dal titolo “Piombino e la Toscana. Ambiente, economia, governo del territorio”, prevede gli interventi del sindaco di Piombino Gianni Anselmi, di Mauro Grassi, direttore generale delle politiche territoriali e ambientali Regione Toscana, Giorgio Kutufà, presidente della provincia di Livorno, Luciano Guerrieri, presidente dell’autorità portuale di Piombino, Vezio de Lucia, architetto consulente del Piano Strutturale della Val di Cornia, Sonia Cantoni, direttrice Arpat regione Toscana.

A seguire, a partire dalle 11,30 la tavola rotonda “La siderurgia tra globalizzazione e territori” a cui partecipano Giovanni Gillerio, amministratore delegato del Gruppo Lucchini, Cesare Ricceri, amministratore delegato Arcelor Piombino, Giovanni Piazza, direttore della Dalmine di Piombino, Yann Inghilesi, amministratore Dalpex. L’intervento di chiusura della mattinata sarà a cura di Riccardo Conti, assessore regionale alle infrastrutture.


PARCHI: IN VAL DI CORNIA UNA PASSEGGIATA TRA IL MARE E LA STORIA

Un’occasione per vivere una giornata in libertà, all’insegna della natura e dell’archeologia. Dal mare alla collina, sulle vie del ferro e dei minerali, i parchi della Val di Cornia raccontano una storia millenaria. Un paesaggio in bilico tra bellezza e memoria storica, dove le testimonianze archeologiche si intrecciano con splendidi ambienti naturali di mare e di macchia mediterranea.

Nel Parco archeominerario di San Silvestro, a Campiglia, si organizzano visite alla scoperta del suggestivo percorso della miniera del Temperino, un affascinante viaggio nel cuore della terra. Una delle poche miniere visitabili in Italia, con il primato dell’antichità d’uso, che dagli Etruschi giunge ai giorni nostri. Un complesso di cunicoli e volte sotterranee, trasformato in un facile percorso museale di 360 metri, di grande interesse geologico e storico. Una miniera, una Rocca e tanti percorsi attrezzati. Sbocciano le orchidee sui sentieri del parco, a cominciare dalla Via delle Ferruzze, un percorso di circa due ore attraverso paesaggi mozzafiato. Il trekking continua, poi, lungo i pozzi di estrazione medievali e gli edifici medicei della Via dei Lanzi, fino alla Rocca di San Silvestro, che dall’anno Mille sorveglia i più importanti giacimenti di rame e piombo argentifero della Toscana. Tutt’intorno i resti di un villaggio medievale abbarbicato sulla rupe.

Nel Parco archeologico di Baratti e Populonia, invece, si possono rivivere i fasti dell’età etrusca. Una testimonianza a cielo aperto, tra il blu del mare e il verde della natura, di tombe sepolcrali, edifici, corredi funebri, itinerari, che da mattino a sera si lasciano ammirare in un silenzio eterno, che sembra evocare antichi spiriti etruschi. Un vero e proprio museo all’aperto luccicante di scorie ferrose, che testimoniano l’imponenza della città industriale etrusca di Populonia.

È attraverso le suggestive ricostruzioni dei paesaggi, delle attività e degli ambienti antichi, che il Museo archeologico del territorio di Populonia, a Piombino, illustra le trasformazioni dovute al popolamento del promontorio di Populonia, dalla preistoria all’età moderna. Oltre duemila pezzi, tra manufatti preistorici, reperti provenienti dagli scavi delle necropoli etrusche di Populonia e materiali di epoca romana, tra cui la preziosa anfora d’argento, (della fine del IV d.C.), e il suggestivo mosaico dei pesci, (datato I secolo a.C.) è l’unico tra i mosaici romani con raffigurazioni marine a rappresentare una scena naufragio.

Gli orari: in occasione delle festività pasquali i parchi sono aperti tutti i giorni dalle ore 10 alle 18, il Museo archeologico dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Per informazioni Parchi Val di Cornia tel. 0565226445.


RIOTORTO: INAUGURATA NUOVA SEDE DELL’INFORMAGIOVANI

E’ stata inaugurata Sabato 15 aprile a Piombino, presso la frazione di Riotorto la nuova sede dell’Informagiovani, in via della Bottaccina n.32. In programma un concerto di un giovane gruppo musicale, l’esibizione dei ballerini di break dance e il ballo delle giovani della Riolab.

Erano presenti anche i gazebo con le esposizioni delle associazioni di Riotorto. Alle 17.30 taglio del nastro con il sindaco Gianni Anselmi, l’assessore alle politiche giovanili Massimo Giuliani e il presidente della circoscrizione Riotorto Giuseppe Rinaldi che da diverse angolazioni hanno illustrato l’importanza che questa nuova struttura riveste per la comunità di Riotorto.

La nuova sede, oltre a svolgere i consueti servizi informativi per i giovani e gli studenti, offre anche dei punti assistiti per la navigazione Internet con due computer a disposizione degli utenti (Paas).

Il nuovo Informagiovani sarà gestito dall’associazione Riolab (Info: rioinforma@comune.piombino.li.it; tel/fax 0565 252108).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.4.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 14 giorni, 20 ore, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it