WWF: SERIE DI SUCCESSI PER L’OASI ORTI-BOTTAGONE

L’accordo con la società pubblica Parchi Val di Cornia per la promozione “a pacchetto” dell’oasi del WWF e del parco della Sterpaia, l’ampliamento da 92 a 117 ettari di Orti-Bottagone, 50mila euro da parte della Provincia di Livorno che permetteranno al Wwf di gestire l’intera area in modo migliore, e la proposta, da parte degli assessori provinciali Mario Lupi e Luciano Guerrieri, di destinare l’avanzo amministrativo di 120mila euro per acquisire una parte di terreno attigua all’oasi, in zona Pratoni-Vignarca, ora di proprietà privata. Sono queste le gradite novità che interessano l’ultima testimonianza palustre della Val di Cornia.

Vediamo nel dettaglio queste interessanti novità:

Wwf e società Parchi propongo una lezione all’aperto, di durata dal mattino al pomeriggio, che porti studenti e comitive alla scoperta dei segreti del bosco e della zona umida in un unico itinerario.
«Il percorso didattico mira ad avvicinare i giovani alle emergenze naturalistiche presenti nelle aree protette istituite della Costa est del Comune di Piombino – spiega Paolo Maria Politi, direttore dell’oasi Wwf – l’Orti-Bottagone e la Sterpaia, infatti, ospitano una significativa varietà di ambienti e specie, tra loro complementari, fornendo un ricchissimo campionario di biodiversità. Tutto ciò nell’ottica dell’attivazione di una rete in cui i partners coinvolti operano in stretta connessione tra loro per favorire la conoscenza, la tutela e la promozione delle risorse naturali presenti sul territorio».

«L’iniziativa -commenta Leonardo Petri, direttore divisione parchi naturali della società – si ispira pertanto a una visione d’insieme del territorio, che si presenta come un unicum, indipendentemente dai confini amministrativi, delimitante le singole aree tutelate presenti al suo interno. Il risultato dell’integrazione, infatti, offre l’opportunità di visitare, nell’arco di una giornata di immersione nella natura, due ambiti di notevole pregio ambientale e paesaggistico».
Leggi Tutto…

Sara possibile effettuare le visite dal 1º settembre al 31 maggio, nel giorno riservato alle scuole che è il mercoledì. Tariffa cumulativa: Dal 15 settembre al 31 marzo il biglietto d’ingresso cumulativo sarà di 6 euro a studente per gruppi minimo 20 persone. Dal 1º aprile al 14 settembre: euro 7 a studente per gruppi minimo 20 persone. Prenotazioni presso la Parchi Val di Cornia.


Per quanto riguarda gli ampliamenti dell’area dell’Oasi Orti – Bottagone ed i contributi provinciali, hanno illustrato la situazione più nel dettaglio l’assessore provinciale Mario Lupi e la Presidente del Circondario Silvia Velo.

«La proposta di destinare l’avanzo amministrativo di 120mila euro all’acquisizione di Pratoni Vignarca è una richiesta fresca di firma – commenta Mario Lupi – che per il momento è stata solo avanzata come ipotesi, ma fa capire le nostre intenzioni per questa zona, ritenuta molto importante per la sua particolarità di habitat e di presenza faunistica».

I progetti sono di quelli importanti ma, al di là del futuro, ci sono già delle certezze che «risolvono una questione che ci stava creando non poco imbarazzo» dice Silvia Velo, presidente del Circondario, che dal 2000 ha ottenuto la delega per la gestione dei parchi e delle aree protette. «La delega che abbiamo è di fondamentale importanza – prosegue – ma senza i finanziamenti non è facile gestire al meglio le strutture. Adesso potranno essere garantite con più efficacia tutte le attività necessarie alla conservazione e alla valorizzazione della riserva».

I 50mila euro della Provincia, infatti, «sono una cifra importante – ha commentato un visibilmente commosso Paolo Politi – e verranno spesi in diversi modi. Sostanzialmente il 60% sarà destinato al personale, mentre il 40% alle attività gestionali come materiale, interventi e ristrutturazioni. Per quanto riguarda le attività, oltre agli interventi di manutenzione ordinaria, verranno organizzati eventi promozionali tesi a coinvolgere un pubblico più ampio, ricerche scientifiche e, come stiamo già facendo, attività di inanellamento. In accordo con l’Arpat invece sarà monitorata la rete idrica e controllata la qualità delle acque».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.3.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 11 giorni, 0 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it