AFFITTI CONCORDATI ANCHE NEL COMUNE DI PIOMBINO

Per favorire il mercato delle case in locazione e le politiche abitative, il Comune di Piombino ha intenzione di dare il via all’intesa sugli affitti concordati, uno strumento previsto dalla legge sugli affitti, la 431/98, per tutti i Comuni ad alta tensione abitativa.

In questi casi, infatti, la legge offre la possibilità di stipulare contratti di affitto attraverso un canale concordato o regolato, che affida un ruolo determinante alle associazioni degli inquilini e dei proprietari nella negoziazione dei canoni. Con questi contratti, che rispondono a criteri di maggiore equità e perequazione nella determinazione delle locazioni sulla base di una serie di parametri individuati dal Comune, i proprietari hanno diritto a esenzioni fiscali sull’Irpef, mentre gli inquilini con un reddito al di sotto dei 15mila euro, possono detrarre il valore dell’affitto dalla denuncia dei redditi. Entrambi pagano meno di imposta di registro.

Il percorso, appena avviato in Comune con la costituzione di un gruppo di lavoro, si concluderà nel giro di alcuni mesi con la predisposizione di un protocollo d’intesa da sottoporre ai sindacati degli inquilini e dei proprietari di immobili. L’intesa dovrà contenere una classificazione delle abitazioni in base alla zona di ubicazione e a tutta una serie di parametri relativi alla tipologia dell’alloggio, allo stato manutentivo, alla dotazione di servizi, di spazi per il parcheggio, alla presenza di riscaldamento ecc. Sulla base di questi elementi saranno definite le fasce di oscillazione dei canoni, comprendenti valori massimi e minimi per metro quadrato.

Sarà quindi avviata prossimamente una zonizzazione del territorio comunale e una classificazione degli immobili in unità di tipo A-B o C secondo le tipologie dell’alloggio. E’ prevista inoltre la costituzione di un osservatorio territoriale per lo studio e il monitoraggio delle politiche abitative, che svolga un’analisi costante del mercato e del costo delle locazioni anche in rapporto alle altre città.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.11.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 22 giorni, 9 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it