RIFLESSIONE SU DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE LOCALE

Ci è ginto un interessante pezzo dal «Cantiere della Democrazia» su democrazia e partecipazione tra locale e globale.
Il «Cantiere», come indicato sul sito www.cantieredellademocrazia.it , vuole essere punto di riferimento per tutti coloro che sentono il dovere ed hanno il diritto di essere insoddisfatti, di porre domande più precise, di mettere in opera tutte le risorse della riflessione critica e dell’azione concreta.

«Che a livello generale ci sia una “crisi della politica e della democrazia”, come dice Romano Prodi, una “politica perduta”, come sostiene Marco Revelli, o addirittura una “postdemocrazia” dove contano soprattutto le aziende, come argomenta Colin Crouch, è ormai un fatto scontato, che anche a livello locale produce i suoi effetti negativi in termini di divisioni, lotte di potere, rincorsa di interessi forti, distorsione mediatiche, ecc.

Eppure il livello locale è anche quello da cui può ripartire una vera cultura politica, basata sulla partecipazione e sull’integrazione tra vecchi soggetti politici afflitti da vari sintomi (di democrazia interna, di rappresentatività, di linguaggio, ecc.), che vanno curati prima che sia troppo tardi, e nuove forme di impegno e di aggregazione. In vista delle prossime elezioni amministrative anche in Val di Cornia vediamo da un lato il solito lavorio dei partiti, più vecchio stile che mai, fatto di contatti tra segreterie, accordi, proposte verticistiche e partecipazione soltanto rituale; dall’altro assistiamo al sorgere di voci e di pratiche nuove alla ricerca di una democrazia partecipativa: quanto sta accadendo a Suvereto, dove si è insediata una vasta assemblea programmatica, a Piombino, dove il Social Forum ha lanciato l’idea di un tavolo permanente sul programma per governare la città, a San Vincenzo, dove un gruppo di persone ha proposto di lasciare da parte nomi e poltrone per concentrare l’attenzione sugli obiettivi e i contenuti, sono tutte cose che devono essere alimentate e valorizzate.

Sottovalutare queste tendenze sarebbe oggi miope e controproducente, per gli stessi partiti che a volte mostrano verso tali forme sdegno e irritazione (come per esempio hanno fatto i ds di Suvereto, che rompono con il Sindaco reo – secondo loro – di aver dato alla propria comunità una più ampia e reale occasione di partecipazione), vedendole erroneamente come fumo negli occhi, come sede dell’antipartito e che, invece, possono essere linfa vitale per la rinascita della politica e della democrazia di base».

Il Cantiere della Democrazia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.1.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 23 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it