BONUS PER LE SCUOLE MATERNE PIOMBINESI

Un contributo di 40 euro mensili per iscrivere il proprio figlio ad una scuola materna privata: è quanto il Comune di Piombino ha stabilito per venire incontro alle difficoltà delle famiglie a basso reddito e che non possono usufruire del servizio pubblico.

Le 20 sezioni statali presenti sul territorio comunale offrono infatti circa 552 posti, che corrispondono al 78% dei potenziali utenti: quest’anno, circa 70 bambini sono rimasti in lista d’attesa. L’unica alternativa è quindi il ricorso alla scuola privata che però, rispetto alla pubblica, ha costi più elevati.

Il provvedimento, che rappresenta una novità assoluta per la realtà piombinese, entrerà in vigore già da quest’anno scolastico. L’assegno sarà erogato, sulla base di una graduatoria, per un massimo di 9 mesi. Possono fare richiesta i nuclei familiari dei bambini che nell’anno scolastico 2003-2004 frequentino le scuole materne private parificate del territorio comunale: le iscrizioni potranno essere regolarizzate anche successivamente all’assegnazione del contributo, ma per l’erogazione è richiesta l’iscrizione e la frequenza. Per accedere al beneficio è richiesto un reddito Isee non superiore a 10.632,94 euro, così come previsto per gli altri interventi a sostegno del diritto allo studio.

Le domande dovranno essere presentate entro il 31 ottobre, utilizzando l’apposito modulo di richiesta e secondo quanto previsto dal bando disponibile in comune.

La graduatoria provvisoria degli aggiudicatari sarà pubblicata presso l’Ufficio Pubblica Istruzione dal 24 al 28 novembre, periodo in cui potranno essere presentati eventuali ricorsi. La graduatoria definitiva sarà pubblicata il 5 dicembre.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.9.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 22 giorni, 9 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it