RAFFICA DI BOCCIATURE: IL GIUDIZIO DEL PRESIDE

da “IL TIRRENO” del 17 giugno 2002

PIOMBINO. Al liceo Carducci le bocciature sono aumentate, soprattutto nel triennio.
Il preside Fabio Grandi spiega:
«C’è una ragione pratica. Il ragazzo che in prima e seconda accumula debiti formativi, quando arriva al triennio ha ormai grosse lacune, insomma debito su debito finisce in bancarotta».
Grandi poi tenta di capire meglio cosa succede fra i 15 e i 17 anni, visto che il top delle bocciature è proprio nelle classi terza e quarta: «I ragazzi di questa età spesso sono demotivati, molti dei loro valori entrano in crisi, compreso quello della scuola. Diventa difficile dare un senso allo studio».
Questo fenomeno sarebbe più sentito al liceo: «Sarà perchè al liceo abbiamo più difficoltà a spiegare ai ragazzi l’importanza dello studio, rispetto a uno studente che frequenta il tecnico e sa di stare imparando un certo mestiere».
In pratica, è più difficile a 17 anni credere che sia utile nella vita conoscere una poesia di Catullo piuttosto che l’elettrotecnica.
La domanda alla base del fenomeno bocciature sarebbe questa: che senso ha studiare?
Il ragazzo se lo chiede e se non riesce a rispondersi, se non ce la fa a dare un senso al suo impegno, perde.

TU CHE NE PENSI? DI LA TUA PREMENDO QUI.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.6.2002. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 12 giorni, 7 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it